•  Installation Shots From: Pangaea: New Art From Africa And Latin America
    Pangaea: New Art From Africa And Latin America
  •  Installation Shots From: Pangaea: New Art From Africa And Latin America
    Pangaea: New Art From Africa And Latin America
  •  Installation Shots From: Pangaea: New Art From Africa And Latin America
    Pangaea: New Art From Africa And Latin America
  •  Installation Shots From: Pangaea: New Art From Africa And Latin America
    Pangaea: New Art From Africa And Latin America
  •  Installation Shots From: Pangaea: New Art From Africa And Latin America
    Pangaea: New Art From Africa And Latin America
Saatchi Art
Saatchi Store
Current Exhibition
Dealers and Galleries Home REGISTER TO DISPLAY YOUR GALLERY'S PROFILE EDIT YOUR GALLERY'S PROFILE

Submission Policy - Ophen Virtual Art Gallery

CHI E' GIOVANNI BONANNO

1954 -Nasce a Menfi (AG)
1969 -Sciacca /Studia all'Istituto Statale d'Arte.
1974 -Milano / Conosce Arnaldo Pomodoro
1976 -Milano / Incomincia a definire le sue ricerche a carattere ambientale.
1976 -Termoli / E’ invitato alla ”XXI Mostra d'Arte Contemporanea Castello Svevo”.
1978 -Milano / Conosce Carlo Ramous, Francesco Somaini e Bruno Munari.
1978 -Soggiorna a Parigi.
1978 -Allo studio La Ruota di Como conosce Ico Parisi,l’architetto dell’utopia praticabile che gli presenta il suo progetto “Operazione Arcevia” e lo sollecita vivamente a lavorare in quella direzione di ricerca.
1979 -Como / Mostra Personale “Che succede? ” - Galleria La Colonna (Testo di F. Gualdoni).
1980 -Milano / Mostra Personale "I Percorsi della natura" - Galleria d'Arte Porta Ticinese (Testo di F. Gualdoni).
1980 -Milano / Conosce Pierre Restany e Guido Le Noci della Galleria Apollinaire di Milano.
1980 -Nuova fase di ricerca lavora in direzione del “Naturalismo Integrale”.
1981 -Como / Mostra Personale “Percorsi per un Atlante Im / Possibile” - Galleria La Colonna (Testo di C. Strano).
1983 - Fa parte del Collettivo Artisti di Porta Ticinese e gestisce per qualche anno lo spazio espositivo “NSM- Nuovospaziometropolitano”
dentro la stazione metropolitana MM Gioia/linea 2 di Milano.
1984 -Milano / Mostra Personale “Le Tracce della Memoria” –Galleria NuovoSpazioMetropolitano). (Testo di F. Legrottaglie).
1984 -Nuova fase di ricerca esegue le "Nature Alterate". 1985 -Inizia a lavorare nell’ambito della Mail Art.
1985 -A Milano conosce e instaura una profonda amicizia con il poeta visivo Ruggero Maggi, con lui collabora attivamente a
diversi progetti internazionali di Mail Art.
1985 -Milano / Mostra Personale “I Germogli dell'attesa” - Galleria Centro Lavoro Arte (Testo di A. Veca ).
1988 -Milano / Primo Manifesto Tecnico della Nuova Non Oggettìvità.
1989 -Mozzate/ Crea L’Archivio Ophen di Documentazione d’arte Contemporanea e di Mail Art
1989 -Mozzate / Mostra Personale “Oltre il Muro” -Archivio Ophen (Testo Personale).
1990 -Milano / Secondo Manifesto Tecnico del Tempo Inoggettuale.
1991 -Milano / Mostra Personale “Condizione Dissipatio” - Galleria Centro Lavoro Arte.
1991 -Olgiate Comasco / Mostra Antologica “Natura-L-Mente”-Villa Camilla (Testo di C. Strano).
1992 -Dopo l'antologica del 1991 si dedica con più insistenza all'attività di Mail artista e di saggista di arte contemporanea curando le pagine dell'arte della rivista "Dialogo" di Olgiate Comasco con saggi e studi su diversi artisti contemporanei.
1996 -Coordina l'attività espositiva dello Spazio Media Immagine di Turate (CO), con esposizioni personali e collettive di artisti contemporanei e anche con progetti internazionali di mail art.
2002 -Si trasferisce a Salerno.
2008 -Nuova serie di lavori sulla condizione Post-Humain
2009 -Salerno/Mostra Personale "Occupatio-Dissipatio" - Spazio Brancaccio (testo di Sandro Bongiani).
2009 - Conosce Alzek Misheff
2009 -Inizia l'attività virtuale con lo spazio "OPHEN VIRTUAL ART GALLERY", presente on-line su ArtSland, Artweek e The Saatchi Gallery di Londra.
2010/Alcune opere dell’artista siciliano sono presenti in permanenza presso Centro Studi - Archivio Pier Paolo Pasolini di Bologna.
2011/Inizia l'attività il Bongiani Ophen Art Museum, Museo Virtuale di Arte Contemporanea.
2012 / Partecipa al “PROGETTO Inviso” - PADIGLIONE ITALIA - 54° BIENNALE DI VENEZIA, Spazi PADIGLIONE TIBET - PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI SALA NERVI. A cura di Ruggero Maggi

Siciliano di nascita, di formazione comasca, da sempre interessato al Naturalismo Integrale, Giovanni Bonanno ha operato insistentemente ai confini delle soglie disciplinari, in una sorta di fertile e felice contaminazione poetica incentrata sul dato progettuale e utopistico avviato precedentemente a Como da artisti di grande interesse come Antonio Sant’Elia, Francesco Somaini e Ico Parisi.

Docente Ordinario di Storia dell’Arte, ha vissuto dal 1977 al 2002 in provincia di Como, attualmente vive e opera a Salerno.Scrive per varie riviste d'arte e collabora attivamente con un suo Blog e recensioni varie con Exibart, la più letta e seguita rivista d'arte italiana.


Back to dealer/gallery profile